remove_action( 'wp_head', 'wp_generator');

yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas

Roberta Lanfranchi: 10 domande sulla cucina - Intervista gastronomicanonsoloscatolette - la nostra idea di cucina

nonsoloscatolette - la nostra idea di cucina

Roberta_Lanfranchi

Interviste

Roberta Lanfranchi: 10 domande sulla cucina

È tornata al Teatro Sistina, dove ha debuttato con Pietro Garinei nel 2005, la showgirl Roberta Lanfranchi, che interpreta la protagonista di Sette spose per sette fratelli, fino al 16 marzo nel tempio capitolino del musical, e poi in tournée nazionale con prossime feste natalizie a Milano.
Felice di ritrovarsi sul palcoscenico dopo tanta televisione, avendo appena archiviato l’esperienza speciale come imitatrice in Tale e Quale Show su Rai Uno, l’attrice deve cantare e ballare in uno spettacolo, allestito da Massimo Romeo Piparo, che recupera il sapore western della sua versione originale.

Come fa colazione?
«Prendo un tè con fette biscottate e marmellata oppure con un ciambellone o con muffin preparati da me».

Dolce o salato?
«Preferisco il salato, ma cucino molto di più il dolce».

Cosa non può mancare nella sua dispensa?
«Passata di pomodoro, tonno, pasta sfoglia e uova».

Sa cucinare?
«Di tutto. Chaussures Nike Pas Cher Ho una madre cuoca in un grande ristorante di Cremona. nike air max 2017 pas cher Ho imparato da lei a cucinare tutto, dall’antipasto al dolce. Air Jordan Uomo 9 Sono la regina del risotto e la mia torta di mele è considerata fantastica senza smentite. Ho appena sfornato un ciambellone bicolore e alcuni muffin con gocce di cioccolato».

Quali “scatolette” usa?
«Sicuramente la passata di pomodoro, quando non riesco a preparala io. Utilizzo pure il tonno per le insalate, ma pochissimi surgelati. Magari cucino in maggiori quantità e poi congelo in contenitori da tirare fuori all’occorrenza».

Cosa mangia prima e dopo uno spettacolo?
«Di solito mi concedo una bella merenda o un mini-aperitivo entro le 19, soprattutto quando so di dover cantare. Amo poi andare a cena insieme a tutta la compagnia anche se cerco di stare leggera: ordino un passato di verdura o cibi poco conditi, scegliendo tanta verdura e rinunciando completamente al pane».

Ha mai mangiato in scena o sul set?
«Durante le recite del mio ultimo spettacolo Smetti di piangere Penelope, sono rimasta incinta del mio terzo figlio e avevo le nausee. Grazie al cielo c’era una scena in cui dovevamo preparare una torta. soldes air max 1 pas cher In realtà ne approfittavo per divorare patatine e noccioline, sgranocchiando per gran parte del tempo!».

Qual è il piatto delle feste familiari fin dalla sua infanzia?
«Gli agnolotti in brodo che si usano a Cremona: mia madre li proponeva per le feste. Nike Air Max 90 Donna Cominciava a preparare l’impasto la domenica mattina. Nike Air Huarache Uomo Non li ho mai replicati perché odio fare la pasta: è l’unica cosa che non faccio in cucina».

Un pasto che non dimenticherà mai?
«Mio marito non cucina, ma ultimamente mi ha fatto trovare una cena pazzesca. nike air max femme pas cher Non ho indagato se l’abbia trovata su internet: era assolutamente indimenticabile per l’impegno profuso, e aveva una base di zucchine in padella con pomodori e pangrattato con una salsina squisita. Ho davvero apprezzato questo gesto e me lo ricorderò».

La sua cena più bizzarra?
«Amo tutti i tipi di sapori e le cucine asiatiche, che so anche riprodurre da sola. Under Armour Curry 3.0 Tuttavia, al ristorante africano, nonostante adori il piccante, sono stata messa a dura prova.

  • Chaussures Air Jordan Homme
  • Mi dovrebbero proprio convincere a lungo per ritornarci.

    Tag: , , , ,

    Lascia un commento


    yeezytrainer ua yeezys buy yeezy boost ua yeezy yeezy ultra boostv