remove_action( 'wp_head', 'wp_generator');

yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas

Tosca D'Aquino: 10 domande sulla cucina. Intervista gastronomicanonsoloscatolette - la nostra idea di cucina

nonsoloscatolette - la nostra idea di cucina

prigioniero

Interviste

Tosca D’Aquino: 10 domande sulla cucina

Fra noti spot pubblicitari e partecipazioni televisive, la simpaticissima Tosca D’Aquino ha trovato anche il tempo di dedicarsi al teatro ed è in tournée nazionale con la commedia “Il prigioniero della seconda strada” di Neil Simon, insieme a Maurizio Casagrande. L’attrice, che ha appena finito di girare “La narcotici”, regia di Michele Soavi, in onda in autunno su Rai Due, è qui una donna afflitta dalla crisi che si rimbocca le maniche.

Come fa colazione?
«Vivo una sorta di schizofrenia. Da un lato non faccio che mangiare, cucinare e parlare di cibo, dall’altro però mi costringo a lunghe fasi di dieta. J.J. Watt Jerseys Per colazione mi piace il cornetto col cappuccino al bar, ma anche il ciambellone o la torta fatta in casa. Fjallraven Kanken Mini

Se sono a dieta mi limito al tè con tre gallette di riso senza zucchero».

Dolce o salato?
«Mi piace tutto, purtroppo. nike sklep Sono napoletana e adoro la pizza, ma sono specializzata nelle torte e ho anche seguito un corso di cake design, una moda poco italiana che abbiamo trasformato secondo il nostro gusto, creando dolci di pasta di zucchero molto carini, soprattutto per i bambini».

Cosa non può mancare nella sua dispensa?
«Ci vogliono sempre le basi: aglio, cipolla, olio, capperi, alici per le salsine. nike air max 2016 blauw Amo tutti i tipi di verdure e la frutta secca come noci, mandorle e nocciole per un aperitivo al volo».

Sa cucinare?
«Se invito, voglio coccolare gli ospiti secondo la tradizione napoletana: antipasti con aperitivo, primo, secondo, contorni, dolci fatti in casa, pane preparato da me e biscottini a fine pasto. Cucino piatti napoletani come la parmigiana, il sartù di riso, il ragù che rimane otto ore sul fuoco, la pasta al forno. nike air max 2017 pas cher Mescolo anche ingredienti esotici provenienti da India, Cina e Messico, utilizzando spesso zenzero e spezie. Il menu più richiesto è: lasagne, polpette e torta caprese».

Quali “scatolette” usa?
«Ho la fortuna di poter preparare sempre il fresco. Marqise Lee - USC Trojans Ricorro alle scatolette di tonno solo per allestire un’insalata al volo.

  • AIR MAX THEA
  • Uso al massimo i pisellini surgelati e odio i legumi in scatola».

    Cosa mangia prima e dopo uno spettacolo?
    «In tournée mangio al ristorante e sempre dopo la replica. Se invece sono sul set o in televisione, devo tenermi molto leggera per il diaframma e la respirazione. Va bandito l’alcool. Il mio pasto tipico quando lavoro è: riso in bianco, insalatina e bresaola. Mentre da ragazza ero sempre magra e digerivo tutto, ora cerco di non ingrassare e a mezzanotte prendo solo un secondo con una verdura».

    Ha mai mangiato in scena o sul set?
    «Nel film “Il viaggio di Capitan Fracassa” di Ettore Scola, con Massimo Troisi, mangiavamo quintali di polenta alle 8 del mattino: era squisita. Hogan Rebel Non amo mangiare sui set: preferisco fingere perché mi si impasta la bocca».

    Qual è il piatto delle feste familiari fin dalla sua infanzia?
    «Il ragù napoletano era il piatto della domenica, ma lo alternavamo con la genovese preparata con quintali di cipolla. Basti dire che per un chilo di carne ci vogliono cinque chili di cipolle. L’ho mangiata proprio ieri a casa di mia zia. Con la crema che se ne ricava ci si condiscono pure i paccheri napoletani. Vengo da una famiglia di buoni cuochi e nelle nostre case si mangia tanto e bene».

    Un pasto che non dimenticherà mai?
    «Sono amica di tanti chef: da Beck a Vissani, passando per Filippo La Mantia. nike air presto donna Da loro si vivono sempre esperienze fantastiche. In Italia, dal Nord al Sud, non puoi che mangiare divinamente. A volte, però, preferisco la cucina meridionale perché la trovo più leggera».

    La sua cena più bizzarra?
    «All’estero. Nike Air Max 2017 Dames wit Per esempio, alle Hawaii, in una pizzeria definita la migliore dell’isola, mi misero davanti una pizza con ananas e prosciutto cotto con un impasto schifoso.

    Tag: , , ,

    Lascia un commento


    yeezytrainer ua yeezys buy yeezy boost ua yeezy yeezy ultra boostv