remove_action( 'wp_head', 'wp_generator');

yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas yeezy 350 buy yeezy boost adidas yeezy yeezy 350v2 yeezy trainers adidas

Gabriele Cirilli risponde a 10 domande sulla cucinanonsoloscatolette - la nostra idea di cucina

nonsoloscatolette - la nostra idea di cucina

Gabriele-Cirilli

Interviste

Gabriele Cirilli: 10 domande sulla cucina

Per divulgare la sua passione culinaria il comico Gabriele Cirilli ha scritto il libro di ricette e ricordi Non si butta via gnente, pubblicato da Salani Editore, già disponibile nelle librerie.

Impegnato nel programma di Rai Uno Tale e Quale Show, condotto da Carlo Conti, è contemporaneamente sul palcoscenico fino a marzo 2014 con Lui e Lei. Istruzioni per la coppia, diretto da Federico Moccia. Da gennaio 2014 condurrà C Factor, un nuovo talent di Rai Uno con esibizioni comiche.

COPERTINA-LIBRO-Cirilli

Come fa colazione?
«In modo molto italiano: latte, caffè, succo di frutta, pane e marmellata. Qualche volta mi concedo una brioche se non sono troppo fuori linea. Cerco di mantenermi con la dieta dissociata: un pasto carboidrati e l’altro proteine o viceversa. Esagero con le dosi: per questo sono un po’ rotondetto».

Dolce o salato?
«Dolce, anche se mi piace molto anche il salato. Il mio dolce preferito è lo strudel di mele del Trentino con salsina di vaniglia».

Cosa non può mancare nella sua dispensa?
«Il pane casareccio che si conserva a lungo e il vino. Non si può nemmeno rimanere senza latte e caffè. Ho una moglie che preferisce non comprare troppo tutto insieme e sa gestire bene le risorse a disposizione senza sprechi».

Sa cucinare?
«Sicuramente, altrimenti non avrei scritto un libro che abbina i ricordi alle ricette. I primi sono i miei piatti forti: posso sbizzarrire la mia fantasia. Per esempio, ho personalizzato il condimento al salmone per la pasta, riprendendo il pesce con il Lambrusco al posto del vino bianco. Si produce una cremina rosa meravigliosa. Aggiungo poi il Philadelphia, al posto della panna, e il pepe rosa e diventa un piatto fuori dal comune e anche molto bello da vedere».

Quali “scatolette” usa?
«Il tonno, i fagioli borlotti che adoro, e che certo non mi metto a comprare freschi. Non utilizzo quasi mai surgelati, tranne che i bastoncini di pesce per mio figlio Mattia che ha dodici anni. Ai bambini qualche sfizio va concesso, anche se mia moglie si sforza da sempre di assicurargli un’alimentazione sana con tanti legumi».

 Cosa mangia prima e dopo uno spettacolo?
«Non mangio mai prima perché per un attore è impossibile per la respirazione diaframmatica richiesta dalla recitazione. Ceno regolarmente dopo, a ora tarda, come è tipico degli attori, e consumo un pasto completo».

Ha mai mangiato in scena o sul set?
«Sul set della fiction Un medico in famiglia capitava in continuazione. Abbiamo mangiato di tutto: da pranzi completi ai cereali della colazione. I primi piatti erano molto buoni perché venivano preparati sul momento da ottimi cuochi».

Qual è il piatto delle feste familiari fin dalla sua infanzia?
«Le polpette. Sono veramente il piatto della mia infanzia e l’ho sempre detto. Le chiamo “le polpette di Augusta” con il nome di mia madre. Con mia moglie le ripetiamo spesso. Gli ingredienti sono semplici e il piacere è enorme: macinato, latte, pangrattato, uovo. A casa mia si mangiava bene: mio padre è abruzzese, mia madre emiliana!».

Un pasto che non dimenticherà mai?
«Il timballo abruzzese: una sfoglia enorme con all’interno pasta, polpette di carne e verdura. Si mangiava anche nei giorni successivi, pure freddo. Non lo replico oggi perché richiede una preparazione lunghissima. Bisogna alzarsi la mattina presto per friggere le polpettine: solo le nonne potevano farlo».

La sua cena più bizzarra?
«Una sera mia moglie ha fatto la spesa in un negozio biologico e ha comprato il seitan e altri alimenti particolari. È stato sicuramente ottimo per la mia salute, anche se la notte sono stato torturato dal mal di pancia, ed è un’esperienza che non vorrei ripetere neanche con la memoria!».

Lui e Lei, con Gabriele Cirilli, Roberta Giarrusso, Federica Nargi, regia di Federico Moccia:
dall’1 al 2 febbraio 2014 al Teatro Team di Bari;
dal 14 al 15 febbraio 2014 al Teatro delle Celebrazioni di Bologna;
il 21 febbraio 2014 al Teatro della Luna di Milano;
l’8 marzo 2014 al Teatro Puccini di Firenze.

Tag: , , , ,

Lascia un commento


yeezytrainer ua yeezys buy yeezy boost ua yeezy yeezy ultra boostv